Torna alla Home

News

Ti trovi in: Home  »  Biografie  »  Sylvie Guillelm
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Sylvie Guillelm

Sylvie Guillem nasce a Parigi dove, nel 1976, inizia a studiare alla Scuola dell'Opéra; sedicenne, entra nel Corpo di Ballo dello stesso teatro. Dai ranghi di fila (coryphée nel 1982), diventa solista (sujet nel 1983) e prima ballerina nel 1984. Ma cinque giorni dopo quest'ultima nomina, al termine del suo primo Lago dei cigni, viene promossa étoile da Rudolf Nureyev all'età di diciannove anni. Dal 1985 al 1988 danza i ruoli principali in Romeo e Giulietta, Raymonda, Sinfonia in do, Agon, Concerto barocco, Apollon musagète, Les chants de la terre, Don Chisciotte, nel Magnificat di John Neumeier e nella Cenerentola di Rudolf Nureyev. William Forsythe crea su di lei France dance (1983) e In the middle, somewhat elevated (1987), Maurice Béjart Mouvements Rythmes Études e Arépo (1983), Karole Armitage GV lO (1983), Robert Wilson Le martyre de Saint Sébastien (1988).
Con il Balletto dell'Opéra di Parigi compie, dal 1986 al 1988, tournée in Giappone, Stati Uniti, Messico, Danimarca, Austria e Italia. Il 1987 è l'anno del suo debutto al Teatro alla Scala, nel Don Chisciotte di Rudolf Nureyev, che interpreta a fianco dello stesso ballerino-coreografo.
Il 1988 segna il suo definitivo distacco dall'Opéra di Parigi e il trasferimento a Londra, dove firma un contratto di Principal Guest Artist con il Royal Ballet.
Danza i ruoli principali in La bayadère, Il lago dei cigni, Cenerentola, Other dances, Apollon, Grand pas classique, Giselle, A month in the country, L'histoire de Manon, Romeo e Giulietta (nella versione di Kenneth MacMillan), In the middle, somewhat elevated, Don Chisciotte (nella versione di Mikhail Baryshnikov), La luna di Maurice Béjart, Il principe delle pagode, La Bella addormentata, Hermann Schmermann, Steptext, Birthday offering, Raymonda e la creazione Firstext (1988) di William Forsythe.
Nel 2000 è protagonista di Marguerite et Armand di Frederick Ashton, Le concert di Jerome Robbins e Le jardin aux lilas di Antony Tudor. Con il Royal Ballet intraprende tournée negli Stati Uniti, in Francia, Italia, Germania, Giappone, Spagna,Turchia, Grecia, Danimarca, Irlanda, a Pechino e a Shanghai. Ma si unisce anche all'American Ballet Theatre a New York, San Francisco,Tokyo e Parigi per danzare Don Chisciotte, La bayadère, Giselle, Romeo e Giulietta, La Bella addormentata e Fall river legend di Agnes De Mille.
Al di fuori del Royal Ballet si intensificano i suoi rapporti creativi con Maurice Béjart che per lei crea Sissi, l'imperatrice anarchica, Racine cubique e Épisodes, presentato anche al Festival RomaEuropa e a Palermo, mentre dall'incontro con Mats Ek nasce Wet woman, per il film South Bank Show, e il duetto Smoke, per il film Evidentia, nel quale viene anche inserito Blue yellow, novità del giovane coreografo inglese Jonathan Burrows. Assecondando la sua naturale predisposizione ad affrontare stili e cifre diverse della coreografia di oggi, danza anche Ten blisters di David Kern. Profonda estimatrice della migliore tradizione non accademica del Novecento, ricrea e adatta a sé due testimonianze storiche della pioniera e coreografa espressionista Mary Wigman: La danse d'été e soprattutto la specialissima Danse de la sorcière o Hexentanz, mentre il repertorio dei classici si arricchisce con La fontana di Bachcisaraj e La sagra della primavera di Béjart.
Danze e balletti che la vedono protagonista approdano sui maggiori palcoscenici dei teatri internazionali: parallelamente alla sua carriera in seno al Royal Ballet continua infatti a esibirsi a Lisbona, Firenze, Amburgo, Helsinki, Copenhagen, Vienna, San Pietroburgo, Sofia, Pechino, Parigi, Madrid, Monaco, Tokyo, Osaka, Nagoya, Milano, Atene, Francoforte, Roma, Losanna, Berlino, San Francisco, New York, Shanghai... I film di cui è protagonista sono: South Bank show (ritratto), Evidentia (France Television), Kenos, Classic instinct e Guillem (ritratto). Dal 1988 ritorna all'Opéra di Parigi come artista invitata per danzare i ruoli principali in Romeo e Giulietta (1988), Don Chisciotte (1998-99), La bayadère, L'histoire de Manon (1998), Il lago dei cigni (1999) e Giselle (2000).
Al Teatro alla Scala danza invece La bayadère e Don Chisciotte (1999). Al Théâtre du Châtelet di Parigi, con il Balletto Nazionale Finlandese, interpreta la sua versione di Giselle (gennaio 2001). Cura la coreografia e l'adattamento di Classic instinct (1998) e Giselle per il Balletto Nazionale Finlandese (1998). Dal 1984 a oggi le vengono assegnati molti premi: il "Prix Carpeaux" a Parigi come miglior giovane ballerina dell'anno (1984), il "Prix Andersen" a Copenhagen come miglior ballerina (1988), seguiti dal "Grand Prix National de la Danse" offertole da Jack Lang a Parigi, dal "Grand Prix Pavlova", dal "Grand Prix de la Danse" del Ministero della Cultura francese (entrambi nel 1989). Le decorazioni al merito annoverano, nel 1988, la nomina a Commendatore delle Arti e delle Lettere; nel 1993 la Médaille de Vermeil de la Ville de Paris; François Mitterand la nomina, nel 1994, Cavaliere della Legione d'Onore; nel 1999 Officier de l'Ordre du Mérite; nel 2000 Gente Dame d'Honneur des Hospitaliers de Pomerol; nel dicembre 2002 Commander of the British Empire (onorificenza ricevuta dalle mani della regina Elisabetta II).


Chiedi informazioni Stampa la pagina